Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Da ottobre anche a Busca il Censimento permanente della popolazione
Al via con la modalità entrata in vigore nel 2018, diventata annuale e non più decennale e che coinvolge ogni anno soltanto un campione rappresentativo di famiglie
Ultimo aggiornamento: 23-9-2021

Il rilevatore Fausta Maisa
Ad ottobre comincia anche a Busca  il Censimento permanente 2021 della popolazione e delle abitazioni. Si tratta del metodo avviato nel 2018, che è diventato annuale e non più decennale e che coinvolge ogni anno soltanto un campione rappresentativo di famiglie.  Nel 2021 le famiglie italiane che partecipano al Censimento sono 2 milioni 472.400 in 4.531 Comuni sull’intero territorio nazionale, tra cui anche il comune di Busca.
 
Il rilevatore che si recherà nelle case dei buschesi è Fausto Maisa (nella foto qui a lato), che è anche agente di Polizia municipale. Le operazioni sono coordinate dall’Ufficio Anagrafe del Comune.
 
Informazioni al numero del Comune 0172.948606 oppure al numero verde 800.811.177.
 
Il Censimento permette di conoscere le principali caratteristiche strutturali e socio-economiche della  popolazione che dimora abitualmente in Italia, a livello nazionale, regionale e locale; di confrontarle con quelle del passato e degli altri Paesi.  Tutte le risposte ai quesiti del questionario devono fare riferimento alla data del 3 ottobre 2021.  Si ricorda che partecipare al Censimento è un obbligo di legge e la violazione dell’obbligo di risposta prevede una sanzione.
 
In link qui sotto le modalità


 
NELLA FOTO: Il rilevatore Fausta Maisa
NELLA FOTO: Il Censimento permanente funziona a campionatura. Ogni famiglia può essere chiamata a partecipare a una delle due diverse rilevazioni campionarie oppure non essere coinvolta dall’edizione in corso