Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Strada dei Cannoni: l'atto formale del passaggio di proprietà dal Demanio militare ai Comuni
L'acquisizione del tratto di Busca nel prossimo consiglio comunale del 20 marzo. Il Sindaco: sono contento di aver raggiunto una tappa  fondamentale del nostro progetto di valorizzazione della strada bianca lunga 40 chilometri tra le valli Maira e Varaita
Ultimo aggiornamento: 17-3-2023

Il sindaco, Marco Gallo, con il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, a Busca nel febbraio 2022 in occasione della  presentazione dei progetti  Strada dei Cannoni ed ecomuseo
È convocata per lunedì 20 marzo alle ore 19 la prossima seduta del consiglio comunale, che si terrà  nella sala consiliare del palazzo Municipale, in via Cavour 28, e sarà trasmessa in streaming sul canale YouTube del Comune di Busca.

Punto saliente all’ordine del giorno, l’acquisizione da parte del Comune del tratto pertinente della Strada dei Cannoni dal Demanio militare. Si è giunti così al documento formale con cui tutti i comuni attraversati dalla strada ne entrano in possesso.

“Proprio un anno fa – dice il sindaco Marco Gallo, promotore dell’iniziativa di valorizzazione della strada bianca lunga 40 chilometri  da Busca a Elva  -  ci incontravamo  a Busca con il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, gli amministratori dei dieci comuni toccati dalla Strada dei Cannoni e i presidenti delle due Unioni montane interessate, Maira e Varaita per presentare il nostro progetto.  Adesso, con l’acquisizione, sono contento di aver raggiunto una tappa  fondamentale. Dare  una visione comune al futuro del nostro territorio è indispensabile per  raggiungere l’obiettivo fare della Strada dei Cannoni una pista ciclopedonale di alta quota da segnalare nel panorama turistico piemontese e alpino. Ringrazio la Regione e il suo Presidente che  hanno già dimostrato di credere nel progetto con lo stanziando un primo contributo, con il quale ora abbiamo dato inizio al recupero della Strada nel territorio di Busca. L’idea è far diventare la strada una pista ciclopedonale di alta quota, con giornate riservate esclusivamente a escursionisti e biciclette, regolamentata e con accessi a pagamento per i mezzi motorizzati, come l'Alta Via del Sale Limone-Monesi”.

I punti all’odg
Ecco i punti all'ordine del giorno del consiglio comunale: approvazione di verbali della seduta del Consiglio Comunale del 28 dicembre 2022; interrogazione del gruppo consiliare Lista civica Pessina e risposta del Sindaco circa il castello del Roccolo;  variazione sul bilancio di previsione finanziario 2023-2025; acquisizione di un terreno destinato ad un camminamento in sicurezza in via del Pilone e via San Martino lungo la strada provinciale 589 nelle frazioni San Martino e Attissano;  sdemanializzazione e declassificazione di un tratto di strada comunale in via Castelletto di fronte al sagrato della chiesa parrocchiale; adozione del Piano forestale aziendale del Comune;  acquisizione al Demanio Comunale delle strade militari numero 46 “Colle Bicocca- Colle Sampeyre (tratto colle Birrone - colle Rusciera) - colletto di Rossana - Colle Sampeyre” ricadente nel comune di Sampeyre  e numero 48 “Colle di Sampeyre – Colletta di Rossana” (quattro tratti ricadenti nei comuni di Busca, Villar San Costanzo, Melle, Roccabruna, Cartignano, San Damiano Macra, Sampeyre,  Macra, Stroppo, Elva)  denominata Strada dei Cannoni per il tratto di competenza del comune di Busca; approvazione di una variante, la numero 15, al piano regolatore generale.
NELLA FOTO: Il sindaco, Marco Gallo, con il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, a Busca nel febbraio 2022 in occasione della presentazione dei progetti Strada dei Cannoni ed ecomuseo
NELLA FOTO: Una strada per escursionisti e biker
NELLA FOTO: Panorami mozzafiato lungo la Strada dei Cannoni