Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Il progetto Re&Ti a San Rocco studiato dall’università Cattolica di Milano
Oggetto di una ricerca, in quanto progetto sperimentale e innovativo che ha promosso una delle prime esperienze di lavoro in Italia con il portavoce di comunità
Ultimo aggiornamento: 21-7-2021

L'assessora Lucia Rosso con l'educatrice  del progetto e le ricercatrici dell'università Cattolica di Milano
Proegue con ottimi risultati il progetto Re&Ti in frazione San Rocco, dopo la serata di presentazione, ad inizio giugno,  delle proposte elaborate dai bambini e ragazzi nel corso dei laboratori esperienziali, per abbellire l’area frazionale, poi confluite in un video e un volantino. Venerdì scorso, 16 luglio, tutti i partecipanti al progetto si sono  ritrovati per un’occasione speciale.  Re&Ti è, infatti, diventata un “caso studio”, oggetto di una ricerca universitaria della Cattolica di Milano, in quanto progetto sperimentale e innovativo che ha promosso una delle prime esperienze di lavoro con il portavoce di comunità in Italia. 

Due ricercatrici del Centro di Ricerca Relation Social Work (RSW) dell’università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Eleonora Quarenghi e Elisa Pellicone, sono venute a Busca e hanno intervistato i bambini e i ragazzi che hanno preso parte al progetto. La ricerca “Il portavoce di comunità”, coordinata dalla professoressa, Valentina Calcaterra, sarà presentata anche all’interno dell’annuale convegno della casa editrice Erikson, specializzata nell’ambito educativo
 
Intanto, nelle scorse settimane, grazie all’interessamento dei massari e del Comitato frazionale,  è iniziata la ritinteggiatura della casetta dell’area verde. I lavori sono stati offerti dall’imbianchino Giovanni Bianco e Ornella Rosso, il materiale è stato fornito dall’ufficio tecnico comunale.

Attraverso i due portavoce, Walid e Yassine, i ragazzi del quartiere sono stati coinvolti nella scelta del colore, mentre uno spazio bianco era  stato lasciato libero, a disposizione della creatività dei ragazzi. Grazie alla disponibilità dell’educatrice Stella Rappalino, referente del progetto, i ragazzi hanno già preso parte ad un laboratorio creativo e, muniti di colori e pennelli, hanno iniziato ad abbozzare la grafica del loro murales sulla casetta, che sarà ultimato nelle prossime settimane.
 
“Siamo molto contenti e onorati dell’interessamento da parte del Centro RSW dell’Università Cattolica di Milano" afferma il sindaco Marco Gallo.

"Re&Ti - dice l’assessore alla Famiglia, Lucia Rosso, che ha partecipato all’incontro di venerdì - è un progetto che, come Comune, abbiamo accolto e pensato, soprattutto per il gruppo in zona di San Rocco, con grande interesse e sostegno, condividendone obbiettivi e finalità. Dare voce ai bambini e ai ragazzi e coinvolgerli attivamente è sicuramente un investimento proficuo per il futuro delle nostre comunità locali, che passa attraverso l’attivazione delle risorse del territorio ovvero in primis delle persone che lo abitano, lo conoscono e lo vivono, con le loro esperienze e competenze che possono e, anzi devono, essere trasmesse di generazione in generazione, come è sempre avvenuto in passato e come, crediamo, possa continuare ad avvenire anche adesso, in un mondo sicuramente più complesso, ma magari proprio grazie a progetti come questo”. 
NELLA FOTO: L'assessora Lucia Rosso con l'educatrice del progetto e le ricercatrici dell'università Cattolica di Milano