Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Benvenute api!
Nell'oasi di +Api nel Giardino dell'Infinito raggiunto l'obiettivo del progetto del Comune con la Fondazione Crc e l'associazione Busca&Verde
Ultimo aggiornamento: 7-6-2022

Un progetto a salvaguardia della biodiversità
E le api sono arrivate! I fiori erano stati seminati nel primo giorno di primavera, il 21 marzo scorso, e ora sulla bella distessa colorata nell’angolo dedicato nel parco Giardino dell'Infinito volavo numerosi gli insetti impollinatori.

Il Comune e l'associazione Busca&Verde hanno aderito al progetto “+Api Oasi fiorite per la biodiversità” della Fondazione Crc, voluto per diffondere la biodiversità attraverso la creazione di oasi fiorite. Erano stati i bambini della scuola d’infanzia insieme con i volontari  dell'associazione  Busca&Verde a creare un’ampia aiuola nel parco, seminata con  una miscela di piantine i cui fiori sono fra i più apprezzati dalle api.
 
Perché l’oasi
Cambiamenti climatici, smog, consumo del territorio pregiudicano la presenza di insetti e minacciano la loro sopravvivenza. Gli insetti, e in particolare gli impollinatori, rivestono un ruolo cruciale per il pianeta, per la tutela della biodiversità e per l’agricoltura. Sono parte determinante del nostro sistema alimentare, perché impollinano le piante coltivate che costituiscono in nostro  cibo. La riproduzione di oltre l’80% (circa 300.000 specie) delle piante selvatiche e il 75% delle nostre colture (più di 300 specie) dipende dagli insetti impollinatori (prònubi). Il progetto della Fondazione Crc è  rivolto ai Comuni della provincia di Cuneo con l’obiettivo contrastare la moria degli insetti prònubi con un contributo di mille euro a favore dei Comuni che aderiscono.


NELLA FOTO: Un progetto a salvaguardia della biodiversità
NELLA FOTO: Ape su fiordaliso
NELLA FOTO: Uno sciame di api popola l'oasi nel parco Giardino dell'Infinito
NELLA FOTO: Il momento della semina il 21 marzo scorso