Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Domenica 22 maggio dalla Lituania la Klaipeda Chamber Orchestra
Alle ore 21 al Teatro Civico concerto dell'orchestra d’archi di 22 elementi, con un programma che spazia da Vivaldi a Bizet, per la sezione On stage le eccellenze della rassegna internazionale di concerti “Musicaè”, XVIII stagione artistica, dell’associazione Amci della Musica
Ultimo aggiornamento: 12-5-2022

La locandina del concerto
Dopo il rilevante successo, per bravura, freschezza e innovazione, di On air giovanissimi alla ribalta, la sezione rivolta ai giovani artisti, scendono ora in campo le Eccellenze: domenica 22 maggio alle ore 21 al Teatro Civico si esibirà  l’orchestra d’archi di 22 elementi Klaipeda Chamber Orchestra from Lituania, con un programma che spazia da Vivaldi a Bizet, comprese alcune pagine di compositori lituani. Sul palco anche il clavicembalo di Nijole Doroteja Beniusyte e il violoncello di Mindaugas Backus, direttore e performer esuberante, titolare di una grande presenza scenica.
 
L’evento musicale è il primo della sezione On stage le eccellenze della rassegna internazionale di concerti “Musicaè”, XVIII stagione artistica, dell’associazione Amci della Musica, diretta da Antonello Lerda, che si svolge con il patrocino della Città di Busca e con il sostegno di Sedamyl.  Il concerto è programmato in collaborazione con Italy & Usa Alba Music Festival, Lithuanian Council for Culture, Musica Vitale, Klaipedos Koncertu Salè.
 
E’ gradita la prenotazione al numero 339.6013250 (segreteria dell’associazione). L’ingresso è libero con precedenza ai soci. Si ricorda al di indossare la mascherina Ffp22.
 
Domenica 22 maggio ore 21
Klaipeda Chamber Orchestra from Lituania
On stage le eccellenze   
Teatro Civico  
 
Lithuania-Klaip da Chamber Orchestra 
Nijole Doroteja Beniusyte, clavicembalo
Mindaugas Backus, violoncello e direttore
 
Programma
Georges Bizet Suite per orchestra d’archi
(dal “Suites l'arlésienne” No.1 e No. 2)
Overture
Adagietto
Farandole
Arvydas Malcys Isabella dream per violoncello e orchestra d’archi on Franz Schubert theme  
Antonio Vivaldi Concerto per archi in Re maggiore, RV 121
Just Janulyt  Windharfe for harpsichord and strings
Roberto Molinelli  Twin Legends for cello and string orchestra
Wojciech Kilar Orawa per orchestra d’archi 8
 
Klaip da Chamber Orchestra
La Klaipeda Chamber Orchestra (KCO) è uno degli enseble cameristici professionali lituani più giovani e vivaci. Fin dalla sua fondazione, nel 1992, i suoi diciannove strumentisti ad arco hanno contribuito ad arricchire la scena concertistica con nuove proposte orchestrali. L’Orchestra ha sede stabile alla Klaipeda Concert Hall, dove si svolgono eventi nel corso dell’anno e tre festival, nei quali essa compare come resident ensemble. La sua programmazione presenta performance dinamiche e repertori aperti a incroci stilistici e cronologici.
La KCO si distingue in primo luogo per il raffinato senso dell’insieme, pur senza una direzione d’orchestra, che si deve alla lunga frequentazione professionale dei suoi elementi, tutti di alta formazione, ad incominciare da Liuda Kuraitien, prima viola e già impegnata nella direzione artistica, ruolo attualmente ricoperto dal violoncellista Mindaugas Backus, figura determinante nella crescita del livello e nell’allargamento del repertorio, solista virtuoso e promotore del senso comunitario dell’interrelazione musicale. Sotto la guida di Backus, la KCO si è formata con esperti in ambito barocco, accostandosi alla musica antica, e parallelamente ha esteso i propri interessi ad opere del XX e del XXI secolo, in particolare di compositori lituani.
La KCO partecipa al programma “The Orchestra of Playful Music“ della Klaipeda Concert Hall, creato per mettere in luce i giovani talenti del paese, chiamati a condividere il palco con personaggi di fantasia. Su questa linea si colloca la prima mondiale del CATcerto (2009) affidato alla pianista-gatto Nora e diretto da  Mindaugas Pieaitis, che ha ottenuto visibilità mondiale, milioni di visualizzazioni e ha stabilito un Guinness World Record.
 
 
Nijole Doroteja Beniušyte
Nata a Vilnius nel 1983, Nijoe Doroteja Beniušyte consegua nel 2003 il diploma in pianoforte e il titolo di insegnante ed accompagnatrice di pianoforte presso il Conservatorio di Vilnius. Dal 2003 al 2007 ha studiato clavicembalo con Gediminas Kviklys all’Accademia Lituana della Musica e del Teatro di Vilnius, dove ha ottenuto la laurea in clavicembalo. Fino il 2009 ha continuato lo studio di clavicembalo e pedagogia della musica all’Accademia, dove ha ottenuto le lauree di Biennio in Clavicembalo e Pedagogia della musica. 
Nel 2006 con il programma Socrates/Erasmus ha studiato a Praga, all’Accademia di Musica e Teatro, con la Giedr Lukšait Mrazkovà.
Dal 2008 al 2009 ha studiato al conservatorio di Santa Cecilia di Roma, grazie al conseguimento di una borsa di studio rilasciata dal Governo italiano.
Di nuovo vincitrice della borsa di studio consegnata dal ministero italiano degli Esteri per l’anno accademico 2013/2014, ha frequentato il conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, dove nel 2017 si è laureata in Biennio in Clavicembalo e tastiere storiche con Andrea Coen.
Ha partecipato ai numerosi master-class di clavicembalo con i Meastri di fama internazionale: Andrea Coen, Salvatore Carchiolo, Sebastien Wonner, Edoardo Maria Belotti, Giedre Lukšaite Mrazkova, Jaques Ogg, Francsise Lengelle, Ingomar Rainer, Accademia di Musica Antica Early Music Academy a Fossacesia. Ha partecipato al progetto internazionale Fundacion Albeniz “Magister Musicale”.
Come solista ha tenuto concerti con l’orchestra sinfonica “Vilnius”, l’ensemble della Filarmonica Nazionale di Vilnius “Musica Humana” e il quartetto d’archi “?iurlionis“. Ha registrato per la televisione e radio nazionale lituana LRT.
Nel 2013 e nel 2018 ha partecipato ai Festival Internazionali di Musica del Nord Lituania e XV Festival Internazionale di Musica “Sugr?žimai/i ritorni”.
Come clavicembalista collabora con alcuni gruppi di musica antica e barocca di Roma, con i quali ha tenuto concerti per il museo di Palazzo Venezia di Roma, il XIV Festival “Marco Scacchi”, Gallese, Festival “Il Rinascimento suona Giovane”, Tivoli Villa d’Este, il Festival “Marco Scacchi” al Palazzo dei Gran Duchi, Vilnius; il Festival Barocco di “Alessandro Stradella” di Nepi e Viterbo, il Festival Musicale Estense “Grandezze & Meraviglie” di Modena, l’auditorium del Parco dell’Aquila, l’Oratorio del Gonfalone di Roma.
 
Mindaugas Backus
Eccellente musicista di mentalità non accademica, che sperimenta coraggiosamente colori inusuali e mette insieme complesse idee musicali, Mindaugas Backus è passato attraverso molteplici esperienze artistiche, dal pionieristico recupero del violoncello barocco in Lituania allo sviluppo, nel suo ruolo di direttore artistico della Klaip?da Chamber Orchestra, di programmi inconsueti per attirare un pubblico più eterogeneo.
 
Performer esuberante, con una grande presenza scenica e un’invidiabile versatilità in termini di stile e di modalità di presentazione, egli è riconosciuto come uno dei massimi violoncellisti lituani in ambito solistico, cameristico e orchestrale. La vastità dei suoi interessi musicali si riflette nelle scelte dei programmi, che spaziano dalla musica classica occidentale al Barocco e alle composizioni contemporanee, con un’intensa esplorazione dello strumento in chiave elettroacustica e teatrale. Il suo insaziabile desiderio di scoperta di nuove sonorità violoncellistiche lo ha portato a collaborare con compositori, jazzisti, esperti di musica antica e compagnie di danza e teatro.
 
Membro della Baltic States Baroque Orchestra e della Brevis Consort, ha collaborato con il Chordos String Quartet e il Disobedient Ensemble con repertori del XX e del XXI secolo e prime esecuzioni di opere lituane, partecipando ai Festival di Gaida, Jauna Muzika, Iš Arti, Mari Klavyrai, Permain? Muzika, Nepaklusnij Žem, Vilnius Jazz e Birštonas Jazz Festival, Norfolk Chamber Music Festival in Connecticut, MaerzMusik a Berlino, Klangspuren a Schwaz, Upbeat in Svezia e Norvegia. Ha inciso due cd: El cello, 2005 e Pas de deux, 2007.
 
Nato a Vilnius in una famiglia di musicisti, Mindaugas Ba?kus si è diplomato alla Lithuanian Academy of Music and Theatre per proseguire gli studi violoncellistici alla Royal Northern College of Music di Manchester con Ralph Kirshbaum e Karine Georgian, obtaining an international artist diploma and appearing as recitalist in England and Scotland. Ha seguito masterclass di Anner Bylsma, Viola de Hoog, Tsojoshi Tsutsumi, David Geringas, si è formato in ambito orchestrale con Kremerata Baltica, Lithuanian Chamber Orchestra, Vilnius Chamber Orchestra, Lithuanian State Symphony Orchestra e ha insegnato presso la National Academy for Schoolchildren organizzata dalla Mstislav Rostropovich Charity and Support Foundation.
 
Dal 2009 è direttore artistico della Klaipeda Chamber Orchestra e docente presso  Stasys Šimkus Conservatory (2010?2014), Eduardas Balsys Gymnasium of Arts (2010?2014) e Lithuanian Academy of Music and Theatre (dal 2010). Chiamato a tenere masterclass alla Royal Irish Academy of Music e Akademia Muzyczna w Krakowi, è stato membro di giuria alla Augusts Dombrovskis International Competition di Riga.
 
Con la Klaip?da Chamber Orchestra ha preso parte al Murten Classics Festival e alle celebrazioni per l’anniversario di David Geringas alla Berlin Philharmonic, esibendosi alla Zürich’s Tonhalle e alla Temppeliaukio Church di Helsinki. Nel 2017, ha fondato l’International Cello Festival and Competition di Klaipeda e ora si sta dedicando alla creazione dell’International Violoncello Academy di Klaipeda.
Fra I musicisti più celebri con cui ha collaborato segnaliamo David Geringas, Mirga Gražinyt-Tyla, Andres Mustonen, Mza Rubackyt, Reinhard Goebel, Alexander Paley, Sven Helbig, Geir Draugsvoll, Kaspar Zehnder, Dmitry Sinkovsky.
 
In più di vent’anni di attività la KCO si è stabilmente affermata nella vita culturale di Klaipeda, affiancando impegni nazionali e internazionali (Germania, Polonia, Ucraina, Lettonia, Estonia, Finlandia, Italia, Svizzera...)
 
NELLA FOTO: La locandina del concerto
NELLA FOTO: Doroteja Beniusyte
NELLA FOTO: Mindaugas Backus