Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Sì di Venere torna ad animare piazza della Rossa
La 7° edizione della rassegna estiva del teatro di strada dal 16 luglio al 6 agosto
Ultimo aggiornamento: 12-7-2021

Anche quest’anno piazza della Rossa ospiterà la rassegna di teatro di strada “Sì di Venere” organizzata da Santibriganti Teatro con il sostegno della Città, della Regione Piemonte e della Fondazione CRC
Anche quest’anno piazza della Rossaospiterà la rassegna di teatro di strada “Sì di Venere” organizzata da Santibriganti Teatro con il sostegno della Città, della Regione Piemonte e della Fondazione CRC, giunta alla sua settima edizione.

Saranno quattro appuntamenti, tutti di venerdì a partire dalle 21.30 con entrata libera. Si comincia il 16 luglio con “Gi & Raf Show”, con la ventriloquia e le magie sorprendenti di Rafael Voltan.

Venerdì 23 luglio “Tutti in valigia!” di Luigi Ciotta porterà il pubblico indietro nel tempo, in un albergo degli anni ‘30 pieno di clienti carichi di valigie con un facchino in perenne lotta contro il caos.

Il 30 luglio arriverà “Il Grande Circo di Gregor & Katjusha” del Circo Puntino, ricco di giochi di manipolazione, danza acrobatica con le scope, peripezie sulla ruota tedesca ed equilibrismi sulla giraffa con tre ruote, il tutto acceso dalla magia del fuoco.

Infine, venerdì 6 agosto chiuderà la rassegna “Il trucco c’è… ma non ci credo!”, con il Mago Budinì, che porterà in scena tutto il suo repertorio, estraendolo da una valigia contenente molte meraviglie raccolte in giro per il mondo e creando situazioni fantastiche e gag esilaranti.
 
Venerdì 16 luglio ore 21.30
Gi & Raf Show
di e con Rafael Voltan
Uno spettacolo di ventriloquia e magie sorprendenti con Gi & Raf. Una coppia irresistibile con a capo Gi: una giraffa dispettosa e irriverente che si crede una deejay, facendo ballare grandi e piccini nelle situazioni meno opportune. Il suo passatempo preferito? Stuzzicare il ventriloquo Raf e fargli perdere la pazienza!
 
Venerdì 23 luglio ore 21.30
Tutti in valigia!
di e con Luigi Ciotta
Uno spettacolo che ci porta indietro nel tempo: un albergo immaginario, pieno di clienti carichi di vecchie valigie. Sono gli anni 30, la musica accompagna il simpatico facchino nella sua travolgente lotta contro il caos. Tra teatro fisico, clown, cabaret e abilità circensi, Luigi Ciotta coinvolge con la sua semplicità e gioca con il pubblico dando vita ad uno spettacolo dal ritmo incalzante e dai numerosi momenti poetici.
 
Venerdì 30 luglio ore 21.30
Il Grande Circo di Gregor & Katjusha
Circo Puntino
In piazza sono arrivati Gregor il sogno di ogni casalinga, e Katjusha la diva dello spettacolo, grandi artisti del circo di Moldavia! Sono solo in due ma con i loro attrezzi, la ruota tedesca e la giraffa, possono rievocare la meraviglia del circo, quella vecchia realtà che fa sorridere grandi e piccini.
Lo spettacolo mischia manipolazione e danza acrobatica con le scope, peripezie sulla ruota tedesca ed equilibrismi sulla giraffa con tre ruote, il tutto acceso dalla magia del fuoco.
È uno spettacolo di strada dai risvolti poetici e onirici, ma che non rinuncia a divertire con un finale infuocato coinvolgente.
 
Venerdì 6 agosto ore 21.30
Il trucco c’è… ma non ci credo!
di e con il Mago Budinì
Nello spettacolo di magia e comicità intitolato “Il trucco c’è… ma non ci credo!” si trova tutto il repertorio magico di Budinì che, portando in scena una valigia contenente molte meraviglie raccolte in giro per il mondo, crea situazioni fantastiche e gag esilaranti. Si passa dal mago in frac e cilindro al funambolico “magagliaccio” mezzo mago e mezzo pagliaccio. Magia, gag, trasformismo, musiche coinvolgenti e comicità, conditi con un pizzico di follia, sono il vero segreto di questo spettacolo.
 
In caso di pioggia o brutto tempo lo spettacolo si trasferirà nell’area coperta di piazza Santa Maria
 
NELLA FOTO: Anche quest’anno piazza della Rossa ospiterà la rassegna di teatro di strada “Sì di Venere” organizzata da Santibriganti Teatro con il sostegno della Città, della Regione Piemonte e della Fondazione CRC