Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Coronavirus, contagi in lieve calo. Il Sindaco: non abbassiamo la guardia
103 buschesi colpiti in questa seconda ondata risultano guariti e si  è risolto senza bisogno di ricoveri il focolaio in Villa Ferrero da dove ringraziano il Comune per la celerità con cui ha risposto alle richieste e per  la consueta vicinanza
Ultimo aggiornamento: 20-11-2020

Il sindaco Marco Gallo. Inziata l'inversione di tendenza ma non bisogna abbassare la guardia
In base ai dati ufficiali di oggi, venerdì 20 novembre, a Busca sono  195 le persone positive al Covid19 e 239 quelle in isolamento (una settimana fa erano 212  i positivi e  196 gli isolati), mentre sono 103 le persone di nuovo negative al tampone dopo il contagio. Dall’inizio della pandemia sono stati effettauti 1743 tamponi .
 “I contagiati – dice il sindaco Marco Gallo -  sono in lieve diminuzione, dopo il forte aumento registrato in modo costante da inizio ottobre e la stabilizzazione della scorsa settimana. Due le altre  buone notizie: 103 buschesi colpiti dal contagio in questa seconda ondata risultano guariti e   dalla residenza per disabili Villa Ferrero, dove si era acceso un focolaio, comunicano che  ora tutti i tamponi sono negativi. Se i dati fanno vedere una luce è perché tutti abbiamo ricominciato a seguire bene le regole e dobbiamo cointinuare così: proprio oggi il ministro della Salute ha confermato che il Piemonte resta in zona rossa fino al 3 dicembre”.
E’ il presidente della cooperativa Insieme a Voi che gestisce la comunità di Villa Ferrero, Gabriele Eandi, che precisa la situazione nella struttura: “Due settimane fa abbiamo registrato 13 ospiti positivi, alcuni dei quali con sintomi, e 15 operatori positivi, alcuni con sintomi. Pertanto abbiamo chiuso il parco della villa di solito aperto a tutti. Tutti i contagiati ora risultano negativi e nessuno ha avuto bisogno di ricovero. Vorrei ringraziare il Comune, e in particolare il sindaco e Bruno Tallone dell’ufficio tecnico, per la celerità con cui hanno risposto alle nostre richieste e, in generale, per l'interessamento e la consueta vicinanza. Abbiamo dovuto ricorrere ad altri  operatori per riuscire a coprire i turni lasciati dal personale in malattia e i dirigenti hanno dovuto essere operativi a supporto. Grazie a tutti i colleghi per lo spirito di abnegazione e per aver dimostrato attaccamento alla cooperativa e affetto per gli ospiti, lavorando in un vero tour de force di due settimane”.
 
  
 
 
 
NELLA FOTO: Il sindaco Marco Gallo. Inziata l'inversione di tendenza ma non bisogna abbassare la guardia