Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email   6-12-2017
Sgombero neve, tutti devono collaborare
Ai privati è richiesto l'intervento davanti agli ingressi. Ecco come hanno agito le ditte appaltatrici del servizo comunale in occasione della nevicata di venerdì 1 e sabato 2 dicembre. Il costo medio per ogni precipitazione che richieda lo sgombero è di  ventimila euro
Busca imbiancata dalla nevicata del 2 dicembre
In seguito alla prima nevicata della stagione, che si è verificata dal pomeriggio di venerdì 1° dicembre all’intera giornata di sabato 2, con una bassa intensità fino a notte inoltrata, sulla città sono scesi da un minimo di 30 centimetri in pianura  ad un massimo di mezzo metro di neve, in collina.

Mentre l’ufficio tecnico comunale fa sapere nei dettagli tutti gli interventi effettuati per lo sgombero neve e per lo spargimento della sabbia mista a sale, che vedremo qui di seguito, il sindaco, Marco Gallo,  sottolinea un aspetto importante: “Perché un evento normale per le nostre latitudini come un’intensa nevicata non crei troppi disagi alla circolazione occorre il lavoro e la collaborazione di tutti. In primo luogo – spiega -  il nostro Comune tiene allertate 11 ditte, suddivise per zone, alle quali è affidato anche il servizio insabbiatura dei tratti di strada ad alto rischio gelate, in salita ed all’ ombra  e davanti alle scuole, che deve essere garantito durante tutto il periodo invernale, mentre devono intervenire con gli spartineve quando al suolo ci sono almeno 15 centimetri di coltre. Questi servizi sono monitorati dall’ufficio tecnico e devono essere dettagliatamente rendicontati. Inoltre, in caso di disagi o pericoli straordinari, come l’intralcio di rami e alberi caduti sulle carreggiate intervengono i volontari della Protezione civile comunale, come è successo sabato scorso in alcuni tratti di strade collinari. Ma tutto ciò non basta: per rendere le strade della città sicure occorre anche rispettare quello che è previsto dal regolamento di Polizia locale che all’articolo 20 parla dello sgombero neve e ghiaccio.  Sono i proprietari o, se è il caso, i locatari o gli utilizzatori di edifici che devono sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i tratti di marciapiede ed i passaggi pedonali prospicienti gli ingressi di case e negozi e provvedere ad eliminare il pericolo dei ghiaccioli e dei blocchi di neve che sporgono sul suolo pubblico. Tutti devono, poi segnalare eventuali situazioni di rischio per le quali è necessario l’intervento dei tecnici comunali”.

Si ricorda che le violazioni comportano una sanzione amministrativa da un minimo di 25 euro ad un massino di 300.
 
In occasione la nevicata dell’1 e del 2 dicembre, gli orari di partenza del servizio sono stati leggermente differenti da zona a zona, in base alla diversità del territorio comunale. In pianura i mezzi sono partiti verso le 23,30 del 1 dicembre ed hanno lavorato ininterrottamente fino ad oltre il termine della nevicata chiudendo il servizio nella tarda serata del 2 dicembre. Non appena terminato il servizio si sgombero neve, è stata effettuata una insabbiatura straordinaria di tutto il territorio comunale, che è stata ripetuta anche nella sera di domenica 3 dicembre. Durante la domenica sono stati liberati i principali camminamenti pedonali. Lunedì 4 dicembre è stata effettuata una insabbiatura straordinaria del centro storico con salgemma puro e, in seguito, si è proceduto alla raschiatura delle porzioni stradali ancora occupate dal ghiaccio. Nella stessa giornata le ditte hanno provveduto ad effettuare dove necessario allargamenti e  rimozioni di cumuli di neve ed hanno iniziato l’opera di pulizia delle piazze del concentrico. Da ieri, martedì 5 dicembre, in collaborazione con la Polizia locale, si sta provvedendo a liberare completamente le piazze e le vie del centro.

Il costo del servzio per una nevicata come questa è di ventimila euro,  considerato il costo medio per ogni precipitazione che richieda lo sgombero.
 
 
NELLA FOTO: Busca imbiancata dalla nevicata del 2 dicembre