Condividi su Facebook   Condividi su Twitter   Invia per email
Quel 'fido' forse aspetta te

Chi desidera un cane visiti il canile convenzionato con il Comune

Ultimo aggiornamento: 16-1-2014

Darwin, uno dei cani ospitati dal canile in frazione Bianciotto

Dare un padrone amorevole ad un cane che non ce l’ha e  far risparmiare i cittadini: il Comune sta ottenendo il duplice scopo promuovendo l’adozione in ogni modo, sia tramite collaborazioni con associazioni e privati sul territorio sia con un incentivo economico.

 

Dal 2001 una delibera di Giunta  stabilisce che, dopo un periodo di prova di affido di sei mesi di un “trovatello” ad una famiglia, questa possa ricevere un contributo una tantum, una volta accertate le buoni condizioni dell’animale.

 

Il contributo è conteggiato attualmente in  circa 360  euro, a fronte di una spesa a carico del Comune per il mantenimento in un canile che va dagli 800 ai mille euro all’anno.

 

I siti internet  del canile e dell’associazione

Chi desidera adottare una cane ritrovato sul territorio del comune deve rivolgersi al  canile convenzionato  con il Comune “La casa di Lilli e il vagabondo” (http://www.lacasadilillieilvagabondo.it  ) in frazione  Bianciotto.

Qui sono portati i cani recuperati dalla Polizia locale, trascorso il periodo di 10 giorni al canile sanitario dell’Asl per gli accertamenti sanitari, e  attualmente sono in attesa di un padrone 6 cani, mentre  nel corso del 2013 ne sono stati recuperati 13 ed adottati 14.

 

Esiste poi la convenzione fra Comune e l’associazione Damogli una zampa (http://www.diamogliunazampa.org )  che promuove tramite il sito internet ed una rete di collaboratori le adozioni e mette in contatto gli “adottabili”con i possibili “adottanti”. Inoltre i volontari dell’associazione seguono il percorso di inserimento nei primi mesi dell’adozione e affiancano la Polizia municipale nell’opera di controllo sulla validità dell’affidamento.

 

Tramite questa associazione da 2010 ad oggi  sono stati adottati 25 cani riferiti al territorio di Busca.

 

Cosa fare quando si trova un cane abbandonato

Ricordiamo che chiunque rivenga un cane abbandonato lo dove segnalare alla Polizia municipale oppure alle altre forze dell’ordine, che provvederanno al recupero e svolgeranno le indagini necessarie a risalire se possibile ai proprietari prima assegnarlo al canile.

 

Denunce e sanzioni

Nel corso del 2013 la Polizia municipale ha provveduto a due denunce all’autorità giudiziaria per  il reato di abbandono e ha comminato 14  sanzioni per omessa custodia di cani, grazie ai microcip oppure in seguito ad investigazioni.

 

Se desideri un cane, prima pensa all’adozione

Nei canili di trovano cani bisognosi di ricevere l'affetto di una famiglia, alcuni sono spaventati e timorosi, altri diffidenti, altri ancora tristi e sconsolati. Di sicuro un cane adottato è capace di ricambiare con un affetto senza misura il proprio benefattore. Perciò chi desidera un cane, prima può passare dal canile convenzionato con il Comune.

NELLA FOTO: Darwin, uno dei cani ospitati dal canile in frazione Bianciotto
NELLA FOTO: Quattro dei cani sei cani attualmente in adozione per il Comune di Busca